• JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
Text Size

Competenze e processi formativi per i dirigenti degli enti locali

Bolzan M. (a cura di)
“Competenze e processi formativi per i dirigenti degli enti locali”
Cleup Padova 2010
ISBN 978-88-6129-489-9


02Il problema del rendimento della democrazia, la perdita di peso delle politiche pubbliche con la ribadita centralità del cittadino sull’istituzione interrogano la pubblica amministrazione che è chiamata a ripensare i propri modelli amministrativi per renderli più flessibili e agili, trasparenti, efficaci e partecipativi come ben si evidenzia dall’analisi del quadro normativo in forte evoluzione. Il livello decentrato che fa riferimento alla Regione, alle Province e ai Comuni è direttamente interpellato per saper sostenere la competizione dei sistemi locali e promuovere la qualità della vita dei cittadini. Una recente indagine dell’Anci Veneto ha avviato una riflessione sull’identità professionale del dirigente degli enti locali e sul processo di formazione che li accompagna. Ciò ha sviluppato una serie di percorsi tesi a approfondire il tema secondo diverse prospettive. Il libro intende proporre una serie di riflessioni per diffonderne i risultati, stimolarne la prosecuzione nella prospettiva della centralità della risorsa umana rappresentata dal dirigente al quale va rivolta una attenzione nuova ed esigente in particolare sul versante formativo.
Il volume contiene un contributo di Piero Selle dal titolo “Governare in una società plurale”
Abstract:
Lo studio promosso dall’ANCI Veneto offre un’interessante mappatura delle competenze dei dirigenti comunali che evidenziano che il mutare del contesto in cui operano le amministrazioni pubbliche influisce direttamente sulla loro mission e orienta l’attenzione su alcuni specifici processi organizzativi. Lo scenario è sempre più articolato e complesso, nel senso di caratterizzato dalla compresenza di una molteplicità di variabili da governare; gli ordini di motivi sono diversi e vanno dalla ri-organizzazione dei livelli istituzionali al superamento di relazioni solo di tipo gerarchico, al riconoscimento del ruolo degli attori e dei loro sistemi di preferenze nei processi decisionali, al multiculturalismo inteso come la presenza di una pluralità di universi simbolici che ispirano le scelte di vita delle persone. La gestione delle politiche pubbliche è chiamata a muoversi in queste diverse pluralità, sapendo riconoscere le caratteristiche precipue dei contesti decisionali e in funzione di essi attivare le competenze necessarie.

Prodotti

Editoria

Siti di Progetto

Siti di progetto